dji_drone

Mentre gli operatori di droni americani cercano di capire in che modo la proposta di identificazione remota del drone della Federal Aviation Administration degli Stati Uniti (FAA) potrebbe influenzarli, uno dei problemi più preoccupanti si sta dimostrando il requisito che ogni drone trasmetta la posizione del suo pilota in tempo quasi reale .

La capacità di individuare un pilota di droni è estremamente utile per la polizia, gli aeroporti e altre autorità per risolvere rapidamente le sfide di sicurezza e protezione, ma capiamo anche perché alcuni piloti di droni non vogliono che la loro posizione sia disponibile per chiunque. DJI, come altre società che innovano i sistemi di identificazione remota, deve seguire l’esempio della FAA sulla posizione pilota, quindi le loro soluzioni dimostrative hanno reso tali informazioni disponibili a chiunque disponga di uno smartphone. Ma questo requisito non è definitivo.

Il primo nuovo sviluppo è il Notice of Proposed Rulemaking (NPRM) della FAA sull’ID remoto, che è la proposta formale su quali informazioni i droni dovrebbero trasmettere, come dovrebbero inviarlo e come l’ID remoto possa essere usato per mantenere lo spazio aereo sicuro e protetto. Mentre DJI supporta fortemente il concetto di ID remoto, siamo profondamente preoccupati che il piano della FAA sia eccessivamente complicato e imponga costi e oneri pesanti ai piloti di droni – portando meno persone a volare e limitando i benefici che i droni possono creare.

Il regolamento proposto dalla FAA richiede specificamente che “la posizione della stazione di controllo del sistema aereo senza pilota deve essere generata e codificata negli elementi del messaggio e deve corrispondere alla posizione della persona che manipola il controlli di volo del sistema aereo senza pilota.” La NPRM afferma anche in almeno due punti che “gli elementi del messaggio stessi sarebbero informazioni accessibili al pubblico”, sebbene in altri posti la proposta sia più vaga. Questo elemento del messaggio di localizzazione è anche ciò che l’ente di standard globale ASTM International ha sviluppato nel suo standard di ID remoto, che sta per essere completato.

DJI si è sempre preoccupato di proteggere la privacy dei piloti di droni e ha chiarito tre anni fa in questo white paper che la privacy dovrebbe essere una delle considerazioni più importanti per i regolatori mentre scrivono le regole dell’ID remoto. Naturalmente, se le regole richiedono che la posizione del pilota sia ampiamente divulgata, le soluzioni di DJI dovranno essere conformi.

Ciò porta al secondo recente sviluppo: la presentazione da parte di DJI della loro soluzione di ID remoto da drone a smartphone, progettata per soddisfare i requisiti previsti per i sistemi di ID remoto negli Stati Uniti e altrove. I regolatori dell’aviazione desiderano che le informazioni di ID remoto vengano visualizzate sui telefoni cellulari, quindi le persone possono utilizzare una semplice app per avere informazioni sul tipo di targa sui droni nelle vicinanze. La soluzione Drone-to-Phone di DJI è progettata per fare proprio questo, utilizzando una tecnologia semplice che invia il segnale direttamente dal drone, imponendo al contempo costi minimi o nulli e senza oneri per il pilota del drone.

DJI ha dimostrato per la prima volta come la soluzione Drone-to-Phone funziona in una conferenza sull’aviazione tenutasi a Montreal lo scorso anno, e recentemente ha pubblicato un video che illustra la tecnologia e come aiuta a risolvere i problemi di sicurezza, protezione e responsabilità dei droni. Lo scopo nello spiegare questi sforzi era mostrare che un metodo di trasmissione diretta può funzionare per i droni del mondo in questo momento e che la maggior parte dei droni non ha bisogno di essere collegata a un sistema di abbonamento di rete complicato e, sicuramente, costoso solo per consentire un Soluzione ID remoto. (Un sistema di rete è ciò che la proposta della FAA imporrebbe per quasi tutti i droni.)


TI RICORDO CHE MANCANO POCHI GIORNI..POI SI DOVRA’ PAGARE AD OGNI PROVA SOSTENUTA..!!
USA IL COUPON “D-DRONE” per avere diritto al 10% OFF SU TUTTO IL SITO.!
QUI TROVI LA LA GUIDA CONCETTUALE DEFINITIVA ALL’ESAME + ESERCIZIARIO CON 400 ESEMPI DI DOMANDE E RISPOSTE


E’ stata sviluppata questa soluzione per dimostrare che l’ID remoto da drone a telefono funziona nel mondo reale e può essere implementato con un aggiornamento software su molti prodotti di droni esistenti, ma per ora è solo un’app dimostrativa che non è disponibile al pubblico. Visualizza le informazioni che dovrebbero essere richieste dalla legge e dai regolamenti, ma i requisiti finali e le disposizioni di accesso a tali dati saranno stabiliti dalla FAA e da altri regolatori globali.

Già, molti gruppi influenti nel settore dei droni hanno sollevato allarmi riguardo alla divulgazione della posizione dei piloti di droni al grande pubblico. Citano casi in cui le persone che sono arrabbiate per i droni che volano nelle vicinanze hanno minacciato o persino attaccato i piloti senza fare nulla di male; si interrogano su come gli agenti di polizia che effettuano una sorveglianza sensibile o missioni tattiche potrebbero evitare di rivelare le loro posizioni; e aumentano la possibilità che i criminali possano utilizzare le informazioni dell’ID remoto per trovare e derubare le persone che pilotano droni costosi.


Hai preso il patentino per PILOTA APR👨‍✈️?Ora ti serve il materiale di visibilità della tua qualifica👷‍♂️.USA IL NOSTRO COUPON DEL 10% DDRONE20


Condividiamo queste preoccupazioni e ti abbiamo ascoltato forte e chiaro. La nostra difesa della politica sui droni negli ultimi anni ha sempre posto al primo posto gli interessi dei nostri clienti, supportando i risultati delle politiche che affrontano la sicurezza e la protezione sulla base del rischio effettivo, mentre proteggiamo e promuoviamo l’innovazione opponendoci a normative irragionevoli o onerose. Siamo dalla tua parte, e questo vale anche per questo problema.

Ecco cosa ha da dire il Pilot Institute nella sua discussione sull’NPRM: “Rendere le informazioni sulla posizione della stazione di controllo disponibili al pubblico porterà innegabilmente a incontri furiosi e potenzialmente mortali tra il pubblico e gli operatori UAS”. Include collegamenti a molti esempi di incontri potenzialmente pericolosi.

Ecco cosa afferma il famoso scrittore sui droni Christopher Korody nella sua discussione sulle implicazioni sulla privacy della NPRM: “Fornire al pubblico la posizione dell’operatore non risolve alcun problema di sicurezza, ma molto probabilmente ne crea di nuovi, quindi spero vivamente che questo sia qualcosa che verrà modificato dai commenti pubblici”.

Ecco cosa ha detto la Drone Pilot Ground School nella sua guida all’NPRM: “Gli individui che sono scontenti di una traiettoria di volo che passa sopra il loro cortile, per esempio, potrebbero facilmente determinare la posizione di un pilota e molestarli di persona anche se stanno volando in un modo che è legale.”

Ed ecco cosa dice l’Alleanza per l’innovazione dei droni nella sua descrizione dettagliata di ciò che contiene la NPRM: “Come minimo, la FAA dovrebbe confermare, rafforzare e pubblicizzare che interferire con il pilota di un drone è un crimine, creando espressamente una disposizione specifica delle norme federali simile alle disposizioni esistenti che vietano le interferenze con i membri dell’equipaggio degli aeromobili. La FAA dovrebbe penalizzare e incoraggiare il Dipartimento di Giustizia a perseguire tutti coloro che aggrediscono un pilota UAS durante qualsiasi fase dell’operazione di volo.”

Ci auguriamo che ciò ti fornisca una migliore comprensione di ciò che l’app dimostrativa di ID remoto da drone a telefono di DJI fa e non fa. Siamo inoltre lieti che la nostra dimostrazione Drone-to-Phone abbia dato vita ad aspetti di ciò che è altrimenti una proposta secca e complessa di 300 pagine che alcuni utenti di droni potrebbero non aver realizzato che avrà un impatto così diretto e permanente su come si pilotano i droni.


Acquisto di un drone DJI

Per l’acquisto di un drone DJI acquista online dal sito DJI Store e avrai i seguenti vantaggi:

Se acquisti un drone o una fotocamera, avrai gratuitamente accesso al relativo corso online senza alcun costo.

Hai diritto ad un’ora di assistenza di primo livello gratuitamente.

La garanzia sul prodotto acquistato è italiana così come anche la fatturazione.

La spedizione avviene entro un giorno lavorativo per i prodotti in pronta consegna mentre per quelli in pre ordine i tempi dipendono dalle liste di attesa e dal ricevimento dei prodotti da DJI, contattaci per ulteriori informazioni.