Regolamento ENAC droni professionali, non cambia praticamente niente fino al 1 marzo 2020

Fino a Marzo 2020 non cambia praticamente nulla per l’operatore/pilota di un drone ad uso professionale, compreso il < 300g, nonostante il nuovo regolamento ENAC in vigore dal 15 dicembre. Richiesta attività sperimentale, manuali, analisi del rischio, flight book, etc.

Il 15 dicembre entrerà in vigore la nuova edizione del regolamento droni che ENAC ha redatto con lo scopo dell’avvicinamento al regolamento europeo che dovrà essere applicato a partire da luglio 2020. Tuttavia per quanto riguarda i droni impiegati in operazioni specializzate, i cosiddetti droni ad uso professionale, resterà praticamente tutto uguale fino a Marzo 2020.
Il pilota di un drone impiegato nelle operazioni specializzate, sia per le operazioni non critiche che critiche dovrà attenersi al “vecchio” regolamento in virtù della disposizione dell’ art.37. Significa che per la conduzione del drone il pilota dovrà essere in possesso dell’attestato Basico o CRO, a seconda delle operazione, da conseguire presso un Centro di Addestramento con esame teorico e pratico. A questo punto sembra abbastanza chiaro che per il pilota sia necessario superare la visita medica aeronautica classe LAPL fino a Marzo 2020.
Non solo, fino a Marzo 2020 dovrà essere compilata ed inviata ad ENAC la dichiarazione di rispondenza al regolamento, dovrà essere svolta l’attività sperimentale, dovrà essere effettuata la consueta analisi del rischio (a parte per i droni < 300g e per gli scenari standard), si dovranno avere il manuale delle operazioni (non richiesto per i droni “innofensivi”), il manuale di volo o documento equivalente, il registro delle operazioni e il documento di configurazione.

Drone < 300 grammi necessario compilare la dichiarazione di rispondenza fino a marzo 2020

Praticamente tutto invariato anche per chi usa a scopo professionale un drone < 300 grammi, sarà necessario compilare la citata dichiarazione di rispondenza al regolamento rispettando le relative disposizioni, quindi diventando operatore riconosciuto ENAC.
La conferma di quanto detto arriva direttamente da ENAC che venerdì scorso ha pubblicato la pagina aggiornata sul modulo da compilare per diventare nuovo operatore o per inserire un nuovo drone nella propria flotta. Di conseguenza possiamo affermare che la “rivoluzione” sui droni ad uso professionale arriverà soltanto a partire da Marzo 2020 quando le registrazioni operatore andranno fatte sul sito D-Flight e il pilota di un drone sia ad uso professionale che ricreativo ( > 250 grammi) dovrà superare un test online per il conseguimento dell’attestato di competenza.

Nuovo regolamento ENAC droni in vigore dal 15 dicembre 2019